Mutui: come funzionano i tassi del tuo Mutuo

Il tasso d`interesse dei mutui determina la quantità di interessi che il mutuatario dovrà versare, in un determinato arco di tempo per ottenere il prestito.

In alcuni casi occorre distinguere il tasso d`ingresso dal tasso di regime:

  1. il primo è il tasso fissato per il periodo iniziale di rimborso,
  2. il secondo subentra alla fine del tasso d`ingresso (in genere dopo due o tre anni) e sarà applicato in base all`andamento di alcuni indici di mercato.

I mutui possono essere a tasso fisso , a tasso variabile o misto, con durata fino a 40 anni e con finanziamento fino al 100 % del valore dell`immobile.

I tassi dei mutui variano a seconda la tipologia prescelta, ad esempio il tasso di interesse applicato per l`acquisto della prima casa sarà inferiore.

Al costo ufficiale del denaro l`Istituto di Credito aggiungerà lo spread, in questo modo sarà determinato il tasso definitivo del mutuo.

Gli Istituti di Credito praticano sui mutui casa tassi più bassi a chi chiede importi molto inferiori rispetto al valore del bene da ipotecare.

Alcune leggi, sia regionali che nazionali prevedono la concessione di mutui a tassi agevolati, in questo caso bisogna capire se si rientra nelle categorie beneficiarie.

L`IRS è il tasso interbancario di riferimento utilizzato come parametro dei mutui ipotecari a tasso fisso.

L`Euroribor è il tasso interbancario di riferimento utilizzato come parametro dei mutui ipotecari a tasso variabile.

I mutui a tassi d`interesse fissi garantiscono la certezza che l`importo ed il numero delle rate rimangono invariate per tutta la durata del mutuo, fino alla scadenza contrattuale mentre nei mutui a tasso variabile la rata varierà in rapporto alla oscillazione dell’ Euroribor.

Il tasso annuo nominale detto TAN equivale al tasso di interesse puro applicato ad un mutuo. Il TAN è formato dal costo del denaro + spread, lo spread costituisce il guadagno della banca.

Il TAEG -Tasso Effettivo Globale- comprende le spese di:

  • interessi,
  • apertura pratica (o istruzione) mutuo,
  • incasso rate mutuo,
  • assicurazioni.

Il tasso ufficiale di riferimento è applicato nelle operazioni di rifinanziamento nei confronti del sistema bancario e costituisce un punto di orientamento nella determina del tasso di interesse che le banche applicano alla loro clientela.

Il tasso di interesse dei mutui casa rimane valido per decine di anni, un errore di valutazione iniziale può costare molto caro.

Non pensate di poter sperare in una futura rinegoziazione del mutuo, la banca non è obbligata a rinegoziare, se è riuscita ad ottenere un tasso alto, che per lei è un ottimo guadagno, non rinuncerà mai a questa opportunità.

Pertanto agite con prudenza ed innanzitutto fatevi un’idea del tasso di interesse medio dei mutui casa, può esservi utile il simulatore di qualche sito di Mutui Online.

Il Tasso di interesse

Chiunque voglia ottenere un mutuo deve valutare attentamente il tasso d`interesse che dovrà pagare come compenso per la somma di denaro ricevuta in prestito.

Il tasso d`interesse viene definito in percentuale per un determinato periodo di tempo e determina il denaro che il debitore si impegna a restituire al suo creditore.

Il tasso d`interesse, moltiplicato per la durata e il capitale erogato, in pratica è la differenza tra la cifra totale che il debitore deve restituire e la somma di denaro ricevuta in prestito.

Il Tasso fisso

Se avete uno stipendio sicuro e volete pianificare al meglio la vostra vita finanziaria dovete scegliere un mutuo a tasso fisso.

Con il tasso fisso pagherete una rata leggermente più cara, ma avrete la certezza che non cambierà mai per tutta la durata del mutuo.

Il tasso fisso inizialmente comporta maggiori oneri per interessi, ma con il passare del tempo potrebbe rivelarsi vantaggioso nel caso di un aumento generalizzato dei tassi, che però non influenzerà l`importo della vostra rata.

I Tassi Euribor

Il tasso Euribor è il fattore principale per determinare l`interesse che viene applicato ai mutui a tasso variabile.

Il tasso Euribor è calcolato in base a diverse variabili, e la sua fluttuazione può determinare situazioni favorevoli per i mutuanti.

In caso di abbassamento del tasso Euribor, infatti, gli interessi da pagare su un prestito diminuiscono, ed è per questo che, soprattutto in periodi in cui non si attendono rialzi dei tassi, i mutui a tasso variabile sono più vantaggiosi.

Tassi interesse BCE

Qualunque Banca Centrale del mondo determina il proprio Tasso Ufficiale di Sconto (TUS), che stabilisce il tasso di interesse al quale le banche pagano il denaro chiesto in prestito alla Banca Centrale della propria nazione.

Il tasso di interesse della BCE è chiamato Tasso Ufficiale di Riferimento (TUR) ed ha validità per tutte le nazioni dell’area Euro.

Tasso di Sconto

Il tasso di sconto è tecnicamente il tasso a cui viene “scontata”, ovvero anticipata per contanti, una cambiale o qualunque altra obbligazione.

Quindi se abbiamo un effetto di 1.000 euro a scadenza 1 anno, ed il tasso di sconto è il 5%, possiamo ottenere un’anticipazione, che però sarà appunto di una cifra “scontata” ovvero 950 euro.

Fermo restando questo meccanismo, nel caso in cui parliamo di Tasso Ufficiale di Sconto ci stiamo riferendo al tasso con cui una Banca Centrale presta il denaro alle banche della sua nazione.

Poichè a loro volta le banche prestano denaro e ci devono guadagnare, più alto è il tasso di sconto più alto sarà il tasso su mutui, prestiti e finanziamenti di tutti i cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *